Indietro

Bimba uccisa, il papà in silenzio davanti al gip

Il pozzo dove si era gettato l'uomo dopo l'omicidio
Il pozzo dove si era gettato l'uomo dopo l'omicidio

Delitto di Levane: stamani l’interrogatorio dell’uomo che si è avvalso della facoltà di non rispondere. A breve l’incarico per la perizia psichiatrica

BUCINE — La videoconferenza fissata per questa mattina che metteva in collegamento il Tribunale di Arezzo e l’ospedale delle Oblate di Firenze è durata pochi minuti. L’interrogatorio di garanzia – previsto a distanza – di Bilal Napia, ancora ricoverato nel reparto psichiatrico, si è concluso rapidamente, il tempo di manifestare al Gip l’intenzione di avvalersi della facoltà di non rispondere.

L’uomo accusato dell’omicidio della figlioletta di tre anni e mezzo continua a non parlare e a mostrare segni di alterazione. È in queste condizioni da un mese, da quando – la mattina del 21 aprile scorso mentre la moglie era fuori a fare la spesa – ha aggredito mortalmente con un coltello la sua bambina e ferito l’altro figlio dodicenne. Un raptus accaduto mentre tutti e tre erano nel soggiorno di casa, in via Togliatti a Levane. Dopo aver tentato il suicidio gettandosi in un pozzo che si trova nel giardino dell’abitazione e dopo essere stato salvato dai soccorritori, il 39enne di origine bengalese si è chiuso nel silenzio; inoltre, nella prima notte in carcere ha dato in escandescenze ed è stato subito ricoverato nell’ospedale fiorentino dove ancora si trova.

La scena di stamani davanti al giudice per le indagini preliminari Fabio Lombardo è stata la stessa di quella del 24 aprile quando ci fu l’udienza di convalida dell’arresto: Bilal Napia è rimasto zitto ed è apparso poco lucido. Le condizioni psichiche dell’uomo non paiono migliorate, uno stato di salute che ha portato il Pm Laura Taddei a richiedere una perizia psichiatrica in incidente probatorio: l’incarico sarà affidato nell’udienza fissata per il prossimo 10 giugno. Nella stessa occasione verrà conferito incarico anche ad uno psicoterapeuta per ascoltare – sempre in incidente probatorio – il figlio del bengalese. La testimonianza del ragazzo su quanto accaduto sarà raccolta e avrà valore di prova.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 0620787048
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it