Indietro

Ok della Bce al salvataggio del Monte dei Paschi

La Banca Centrale Europea ha dato il via libera all'aumento di capitale da 5 miliardi approvato con il piano industriale. Anche Bankitalia dice sì

MILANO — E' stato lo stesso consiglio di amministrazione del Monte dei Paschi ha comunicare l'assenso della Bce all'operazione di salvataggio dell'istituto senese.

"Banca Mps comunica che sono pervenute le autorizzazioni da parte della Banca Centrale Europea in merito all'operazione prospettata al mercato in data 25 ottobre" si legge nel comunicato.

Dal canto suo la Banca d'Italia ha completato positivamente la procedura di accertamento sulle modifiche statutarie ai fini dell'operazione.

Il futuro della banca senese è stato affrontato anche in Consiglio regionale dove l'assessore alle attività produttive Stefano Ciuoffo ha risposto a una interrogazione del portavoce dell'opposizione Claudio Borghi.

“Il protocollo d’intesa sottoscritto nel luglio scorso contiene l’impegno a seguire e monitorare le vicende del sistema del credito, tra cui quelle di Mps - ha spiegato Ciuoffo -  La Regione seguirà quindi con attenzione le evoluzioni in corso sul Monte, così come sta facendo su tutto il comparto bancario. Al tavolo tecnico istituito sono stati affrontati vari temi, non ultimo quello dei circa 2600 esuberi, la metà dei quali risulta fossero già previsti. Per la parte restante, la banca dovrebbe far fronte con fondi propri e con il fondo esuberi”.

Sulle misure di salvataggio e di accompagnamento all’aumento di capitale, così come delineate nella recente presentazione del piano industriale, l’assessore ha definito “non confermate” le indiscrezioni riportate dalla stampa su gruppi interessati a partecipare. “Il piano industriale di Mps – ha continuato Ciuoffo – delinea una manovra da cinque miliardi, con aumento di capitale il cui ammontare dipenderà dalla risposta degli obbligazionisti alla proposta di trasformate i bond straordinari in azioni”.

L’assessore ha infine dichiarato che nella prossima assemblea del 24 novembre, verrà eletto il nuovo presidente Alessandro Falciai, “indicato dal Consiglio di amministrazione, azionista rilevante e già amministratore della banca”. “Rimane tuttavia l’incertezza per il raggiungimento del quorum minimo del venti per cento del capitale previsto per l’assemblea straordinaria” ha concluso l'assessore.

“Prendo atto della risposta che intende rassicurare il Consiglio - ha replicato il portavoce dell'opposizione Borghi - Non vedo tuttavia soluzioni, né adeguate contromisure se dovesse materializzarsi l’ipotesi di una ‘Banca Etruria’ su vasta scala. Quello che la nuova dirigenza di Mps sta infatti proponendo ai risparmiatori è un’alternativa da film dell’orrore”.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it