Indietro

L'agricoltura di qualità abbatte il protezionismo

Pochi timori per Brexit e dazi alla conferenza regionale sull'agricoltura. Seconda giornata con il commissario europeo Phil Hogan e arrivano i butteri

LUCCA — Nella seconda giornata della Conferenza regionale sull'agricoltura a Firenze c'è spazio anche per uno spettacolo di butteri a cui ha assistito il commissario europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, l'irlandese Phil Hogan. E' stato lui stesso, nel corso della giornata a fugare i dubbi sui rischi derivanti dalla Brexit e dai dazi sventolati dal presidente statunitense Donald Trump: "Con il Regno Unito c'è un legame molto forte. Una loro legge impone che il 40 per cento dei prodotti venga importato, quindi da questo punto di vista non vedo problemi per il futuro. Inoltre sono fiducioso si possa arrivare, a breve, ad una sorta di accordo di libero scambio che porterebbe benefici reciproci", ha detto. 

All'appuntamento non è mancato il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi che ha ribadito la necessità di contrastare, con la qualità dei prodotti agricoli toscani, i venti di protezionismo che soffiano dal mondo, soprattutto da ovest. "La qualità dei prodotti agricoli toscani è la leva da usare per abbattere i muri del protezionismo che ci vengono posti di fronte. È per questo che confidiamo nell'Unione europea e nel commissario Hogan al quale chiedo di fare in modo che i fondi che ci sono stati garantiti nel settenato in corso vengano almeno riconfermati. E speriamo di poter ricevere per il periodo 2021-2027 anche più dei circa 415 milioni avuti dall'Europa nel settenato 2014-2020", ha detto Rossi. 

"Chiederò - ha aggiunto Rossi - che si tenga conto del fatto che la nostra è un'agricoltura di qualità, sviluppata su terreni in gran parte collinari, che per loro natura richiedono più lavoro e più investimenti rispetto all'agricoltura estensiva. Dal braccio di ferro tra questi due modelli, nell'ultima tornata di assegnazione dei fondi UE siamo usciti piuttosto bene e dobbiamo insistere su questo. É necessario poi che l'Europa sostenga e finanzi gli interventi per l'internazionalizzazione del nostro sistema agricolo".

Il presidente toscano ha poi ringraziato il commissario Hogan per aver promesso tre anni fa di venire in Toscana e per aver mantenuto quell'impegno, ma anche per il sostegno che ha fornito perché fosse riconosciuta la Denominazione di origine protetta per il pane toscano, una decisione che "permetterà all'agricoltura toscana di riprendersi e di coltivare tante terre che altrimenti sarebbero rimaste non utilizzate".

Fotogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 0620787048
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it