Indietro

Allarme Oms, picco dei casi legato ai giovani

Aumentano i contagi di Covid-19 nelle fasce d'età più basse anche in Toscana, l'Oms striglia i giovani che hanno abbassato la guardia durante l'estate

GINEVRA — Mascherina sempre dietro anche la sera nei luoghi della movida anche d'estate, perché oggi va meglio ma il virus circola ancora, e per questo bisogna continuare a mantenere la distanza di sicurezza. Queste le regole da mantenere, regole che dovrebbero essere rispettate anche dai più giovani, ma così non sembra essere. Ma se i più giovani spesso sono asintomatici, rischiano di 'portare in famiglia il virus', contagiando genitori, nonni o zii.

Anche in Toscana nelle ultime settimane l'età dei contagiati è scesa, anche per il focolaio registrato nel Mugello, dove essere stati contagiati dal Covid sono stati soprattutto giovani e giovanissimi, tra i 18 e i 30 anni e loro familiari. Un fatto che ha abbassato molto la fascia d'età colpita dal virus, arrivata a sotto al livello nazionale. Per questo non va mai abbassata la guardia.

L'Oms, l'Organizzazione mondiale della sanità, nei giorni scorsi ha lanciato l'allarme giovani per il picco di casi legati a loro.

"Le prove suggeriscono che i picchi di casi di Covid-19 in alcuni Paesi sono, in parte, guidati da giovani che hanno abbassato la guardia durante l'estate nell'emisfero settentrionale". Lo ha sottolineato il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra, tornando sull'effetto estate e sul ruolo dei giovani nella diffusione di Covid-19. "L'abbiamo detto prima e lo diremo di nuovo: i giovani non sono invincibili. I giovani - ha detto il dottor Tedros - possono essere infettati; i giovani possono morire; e i giovani possono trasmettere il virus agli altri".

"Ecco perché i giovani devono prendere le stesse precauzioni per proteggere se stessi e gli altri di tutti gli altri. Possono essere leader e guidare il cambiamento" necessario per battere la pandemia, ha detto il Dg dell'Oms.

"Capisco l'estate" e la voglia di normalità, "ma i giovani devono diventare risk manager: valutare i pericoli" e comportarsi di conseguenza. "Sappiamo ad esempio che i night club sono amplificatori del virus: se c'è, si trasmette facilmente". A invitare i ragazzi ad evitare questi luoghi d'incontro nell'estate della pandemia è Maria Van Kerkhove, a capo del gruppo tecnico dell'Organizzazione mondiale della sanità per il coronavirus, che in conferenza stampa a Ginevra torna sul tema dei giovani.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 0620787048
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it