Indietro

Muti dirige il Maggio per il G7 delle culture

Concerto nel Salone dei Cinquecento alla presenza del premier Gentiloni per chiudere il primo giorno del vertice internazionale sulla cultura

FIRENZE — Hanno percorso il Corridoio Vasariano per arrivare agli Uffizi e poi in Palazzo Vecchio i ministri dei sette Paesi che hanno preso parte al G7 della Cultura a Firenze, culminato nella firma della 'dichiarazione di Firenze' che istituzionalizza l'impegno collettivo a difendere il patrimonio culturale da guerre e terrorismo. 

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che ha accolto le delegazioni agli Uffizi, ha esordito ringraziando il sindaco Dario Nardella e il ministro Dario Franceschini. "Per l'Italia cominciare la presidenza del G7 a Firenze e sui temi della cultura non ha bisogno di troppi commenti, è la scommessa su uno dei valori che il nostro Paese rivendica e sul dovere che abbiamo come comunità internazionaledi preservare e difendere questo valore".

A mettere il sigillo sulla giornata, la prima del vertice che si protrarrà anche domani, è stato poi il concerto del Maggio Musicale diretto dal maestro Riccardo Muti che, prima, ha pronunciato in inglese un discorso contro l'oppressione e le dittature che minacciano la cultura ovunque nel mondo. 

"E' un onore per me e questi musicisti fare parte del G7 per la cultura; la cultura è fondamento della società. Su questo non ancora abbastanza ès tato fatto", ha detto Muti. 

"Tra il 1800 e il 1900 i compositori italiani contribuirono a unire l'Europa, facendosi ascoltare e portando la loro voce in ogni sua parte - ha poi aggiunto - Ebbero grande influenza e furono davvero il primo segno dell'Europa unita. Noi musicisti abbiamo sempre messo fiori nei cannoni; ogni volta che andiamoin giro per il mondo portiamo bellezza, cultura e storia. Ogni volta, invece, che un dittatore va al potere la prima cosa che fa è togliere la voce alle persone che fanno cultura. Stasera,al contrario, noi parliamo e facciamo musica dalla città che è stata culla del Rinascimento. Questo è un grande messaggio disperanza, lanciato da noi musicisti, verso il futuro".

Poi l'appello al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni "per riportare le spoglie di Luigi Cherubini, nella sua città natale, a Firenze". "Primo ministro - ha aggiunto Muti, parlando in inglese - occorre riportare le spogliedel compositore nella sua città. A Firenze c'è solo ilsarcofago, nella basilica di Santa Croce". I resti di Cherubini si trovano infatti a Parigi,dove è morto, nel cimitero del Père-Lachaise. "Sono tantidecenni che provo a riportarle a casa", ha aggiunto Mutiricordando che anche Brahms, di cui l''orchestra del Maggiomusicale stasera esegue la Seconda, "amava Cherubini".

Il programma del concerto prevedeva il 'Guglielmo Tell' di Rossini e la 'Seconda' di Brahms.

Fotogallery

Videogallery


Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it