Indietro

Pendolari con l'incubo dei passaggi a livello

Nell'ultima settimana i treni regionali hanno subito numerosi ritardi dovuti a guasti o danneggiamenti nei pressi degli attraversamenti a raso

FIRENZE — I passaggi a livello hanno segnato in negativo la vita dei pendolari toscani visto che a fine novembre sono stati costretti in più occasioni ad attendere l'arrivo dei treni rallentati da guasti e danneggiamenti degli attraversamenti a raso ancora presenti sulle tratte urbane ed extraurbane delle strade ferrate.

L'ultimo episodio risale a venerdì scorso, 29 novembre, quando i treni tra Lucca e la Garfagnana sono rimasti fermi per un'ora a causa di una vettura rimasta incastrata sui binari all'interno di un passaggio a livello.

Il 28 novembre nelle stazioni toscane è risuonato anche l'avvertimento "A seguito del danneggiamento delle barriere di un passaggio a livello nei pressi di Montuolo, attribuibile ad un utente della strada, la circolazione sulla linea Firenze - Lucca - Viareggio è rallentata" è stato il messaggio trasmesso ai pendolari. Ma in settimana anche il treno regionale 6916 Chiusi C.T. - Siena ha maturato un ritardo di 30 minuti, tra le stazioni di Montepulciano e Sinalunga, per un problema ad un passaggio a livello.

Il settore sicurezza di Rfi mette le mani avanti sul fenomeno spiegando che "Per evitare interferenze con la strada, le linee ferroviarie di moderna realizzazione, o ristrutturate di recente, superano la viabilità stradale tramite cavalcavia o sottovia". Però "Sulle linee meno recenti, in particolare su quelle a carattere locale, i punti di intersezione "a raso" tra binari e strada ereditati dal passato, sono protetti dai impianti ferroviari oggetto nel tempo di sviluppi tecnologici tesi ad aumentare la sicurezza della circolazione sui due sistemi, ferrovia e strada". Una apposita nota aziendale in merito conclude "A questo stesso fine, con l’obiettivo di eliminare i passaggi a livello su tutta la rete, RFI, oltre a realizzare tutte le nuove linee evitando interferenze con la rete stradale, sta portando avanti sulle linee esistenti un imponente programma di realizzazione di opere sostitutive, cavalcavia o sottovia, cui affianca nell'immediato interventi di mitigazione tecnologica dei possibili rischi legati all'attraversamento dei passaggi a livello. In parallelo, per contenere il mancato rispetto del Codice della strada da parte sia dei guidatori di veicoli sia dei pedoni, RFI porta avanti numerose azioni finalizzate all'incremento dei livelli di sicurezza e all'informazione e sensibilizzazione sulle regole da seguire".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 0620787048
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it