Indietro

L'Arpat dichiara lo stato di agitazione

La Rsu dell'Agenzia regionale per la protezione ambientale lancia l'allarme: i controlli sono calati del 30% e il personale è diminuito del 17%

FIRENZE — L'Arpat, l'Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, sull’orlo del collasso: a dirlo la Rsu dell'agenzia insieme a Cgil, Cisl e Uil che con l'appoggio della dirigenza hanno proclamato lo stato di agitazione di tutto il personale.

Secondo quanto riporta una nota dei sindacati "i controlli su acque, emissioni in atmosfera e rifiuti calati dal 12 al 30%, personale diminuito del 17% (e con Quota 100 si perderanno altre professionalità senza sostituirle)".

"Oggi ARPAT - dicono i sindacati - è sull’orlo del collasso, a causa di un quadro nazionale incerto, ma soprattutto per politiche regionali miopi e scelte aziendali incomprensibili, che hanno determinato un progressivo depauperamento di risorse umane e strumentali e disastri sotto l’aspetto organizzativo ed operativo".

"Da anni, - continua il comunicato - in un contesto già difficile per le politiche nazionali di rigore verso le pubbliche amministrazioni, la Regione impone ad ARPAT ulteriori vincoli di bilancio, che hanno pesantemente inciso sulla spesa di personale e che ancora limitano la possibilità di assumere".

Tra il 2010 e 2018 il personale è diminuito del 17% (da 771 a 637 dipendenti); nei prossimi mesi, anche per effetto di “Quota 100”, la situazione, fanno sapere i sindacati, si aggraverà ulteriormente. 

"Critica - aggiungono i sindacati - è anche la carenza di dirigenti, il cui numero è ormai insufficiente per coprire la direzione di tutte le strutture".

Dalla Rsu fanno sapere che "solo nell’ultimo anno (confronto 2017-18), i controlli sono così diminuiti":

  • acque di scarico (depuratori civili e industriali, ecc.): -18%,
  • analisi alle emissioni in atmosfera di impianti industriali: -30%,
  • controlli sull’inquinamento acustico (strade, aeroporti, esercizi pubblici, ecc.) -38%,
  • controlli elettromagnetismo (stazioni radio, TV e telefonia; elettrodotti; ecc.) -10%,
  • controlli su impianti di gestione rifiuti (discariche, inceneritoti etc.) -12%
Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it