Indietro

L'antidoto dem alla febbre del gioco

Campagna dei Giovani Democratici della Toscana per chiedere la discussione delle proposte di legge che vietino la pubblicità delle vincite facili

FIRENZE — I numeri snocciolati dal segretario regionale dei Giovani Democratici Raffaele Marras ritraggono una situazione preoccupante in Toscana: 20mila giocatori in tutta la regione, di cui 1.400 patologici. 

"Un fenomeno che ormai viene riconosciuto come una vera e propria patologia e dipendenza comportamentale, che va a colpire soprattutto le fasce più fragili e meno istruite della popolazione e che si è diffuso drammaticamente anche tra i più giovani - spiega in una nota Marras - 8,7 miliardi incassato dallo Stato, e questo forse è ciò che ha reso sempre troppo poco forte il contrasto a quella che è diventata ormai una piaga sociale".

La crisi economica ha fatto il resto, spingendo molti a cercare la fortuna facile nel gioco. "Per questo chiediamo a tutti di alzare la propria voce contro questo fenomeno, a partire dai nostri parlamentari, affinché si possa accelerare la discussione delle proposte di legge sul divieto di pubblicità, sostenute anche dalla campagna "Mettiamoci in gioco" e da Arci".

"Da tempo - spiega Marras -  si attende una loro calendarizzazione per arrivare a vietare la promozione della vincita facile, che non fa che offrire terreno fertile al dilagare del gioco d'azzardo. Ma vogliamo portare questa battaglia anche sui territori, chiedendo sia al livello regionale che ai tanti giovani eletti nelle amministrazioni comunali toscane, di farsi portavoci di una mozione che promuova prevenzione e contrasto a questo fenomeno e preveda, grazie anche al lavoro che sta portando avanti ANCI, un regolamento comunale il più possibile uniforme su tutti i territori".

La campagna ha anche un suo hashtag: #NONMIAZZARDO 

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 0620787048
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it