Indietro

"I risparmiatori si rivolgano ai giudici"

Il presidente dell'Abi Antonio Patuelli è intervenuto sugli effetti del ddl salvabanche: "Solidarietà? Gli azionisti hanno sacrificato 2,3 miliardi"

FIRENZE — Il numero uno delle banche italiane è intervenuto da Firenze dove ha presentato il suo libro Nuova Europa o neonazionalismo.

"Quando si approccia il problema degli obbligazionisti subordinati di Banca Etruria, Carife, Carichieti e Banca Marche - ha detto Patuelli - non bisogna mai dimenticare il sacrificio non volontario, ma obbligato dalla norma, che 5 milioni di azionisti italiani stanno facendo per il salvataggio delle banche".

"Quelli che hanno pagato di gran lunga di più per 2.350 milioni di euro pronta cassa - ha aggiunto -, sono le banche sane".

Detto questo però, Patuelli ha anche invitato i sottoscrittori di obbligazioni subordinate degli istituti di credito e che sono rimasti senza più risparmi, a muoversi nelle sedi opportune. 

"Se sentono di essere stati non rispettati da qualcuno nei loro diritti - ha detto -, ci sono le autorità giudiziarie competenti della Repubblica, le autorità di vigilanza competenti sul mondo bancario, e quindi ci sono giudici in grado di dare risposte".

Tutto questo nel giorno in cui sono stati resi noti i compensi che percepirà Roberto Nicastro, presidente dei 4 nuovi istituti nati con il salvabanche: 400mila euro l'anno che si sommano ai 2 milioni che spetteranno agli altri rappresentanti dei vertici delle good bank.

Un compenso contro cui il Codacons ha annunciato un esposto presso la Corte dei Conti. "I cittadini - ha sottolineato in una nota l'associazione dei consumatori - hanno il diritto di sapere se i compensi elargiti ai vertici delle 4 nuove banche siano giustificati, e la magistratura contabile dovrà ora accertarne la correttezza e la congruità".

Nicastro terrà una relazione sull'andamento delle nuove banche il 16 dicembre prossimo davanti al comitato esecutivo dell'Abi, così come annunciato da Patuelli.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 0620787048
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it