Indietro

Cave, via a centinaia di controlli

La firma del protocollo

Saranno effettuati nel corso del 2017 nel distretto lapideo di Carrara e in Versilia, stamani la firma dell'accordo tra Regione, Procure e Forestale

FIRENZE — "Sulle cave arriva la svolta". Lo dice il presidente della Giunta Regionale Toscana Enrico Rossi firmando il protocollo di intesa tra Regione Toscana, Procure di Massa e Lucca, Procure generali presso le Corti di appello di Firenze e Genova ( tutte competenti per territorio sul distretto estrattivo dell'alta Toscana ) e il Comando regione Carabinieri Forestale.

"Salvaguardia della legalità nel settore e promozione dello sviluppo sostenibile" le parole d'ordine di un programma d'azione che prevede solo nel 2017 ben 800 controlli che riguarderanno 140 aziende, cioè gran parte delle attività presenti tra le province di Massa Carrara e Lucca.

A livello operativo lavoreranno Asl, Arpat e Carabinieri della forestale, la stessa Regione in collaborazione con le Procure. Le verifiche riguarderanno la sicurezza nei luoghi di lavoro, le salute del reticolo idraulico, la quantità escavata, il rispetto dell'ambiente e la compatibilità tra le autorizzazioni ricevute e l'attività effettivamente svolta.

Il teatro delle cave è stato troppe volte negli ultimi anni protagonista di incidenti sul lavoro, alcuni dei quali mortali. Da qui la "Svolta" della quale ha parlato Rossi:"Una svolta sostenibile che mette insieme ambiente, sicurezza e occupazione e che vogliamo conciliare con le forze sociali", ha detto il presidente:"Pensiamo a come le nuove tecnologie potrebbero portare nuovi posti di lavoro con quella che ora è la cosiddetta materia seconda",

Alla firma del protocollo, che si è svolta a Palazzo Strozzi Sacrati, a Firenze, hanno preso parte, oltre ad Enrico Rossi, anche il direttore generale della presidenza della Giunta Regione Toscana Antonio Barretta, che si è occupato materialmente di essere l'estensore del documento e il tramite tra le istituzioni coinvolte, i procuratori di Massa e Lucca Aldo Giubilaro e Pietro Suchan ( che hanno sottolineato la collaborazione tra istituzioni e la grande attenzione manifestata dalla Regione e dal suo presidente sul tema "cave" ), Marcello Viola ( Procura generale presso la Corte d'appello di Firenze ) e Antonio Lucisano ( Corte d'appello di Genova ) e il generale Giuseppe Vadalà, comandante dei Carabinieri forestali Toscana.

Il documento firmato oggi fa seguito al piamo speciale cave, varato alcuni mesi fa dalla Regione e dal primo protocollo già sottoscritto con le Procure, ma che adesso si arricchisce del contributo dei Carabinieri e ridefinisce soggetti e ambiti delle misure di prevenzione.

Fotogallery

Videogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it