Indietro

Quella fattura da 70-80mila euro pagata da Romeo

Giovanni Donzelli

Donzelli (FdI) ha presentato un'interrogazione in Consiglio regionale: "Intreccio gravissimo: il Pd dica da chi ha preso i soldi"

FIRENZE — Il coordinatore dell'esecutivo nazionale di Fratelli d'Italia Giovanni Donzelli, consigliere regionale in Toscana, ha presentato un'interrogazione sull'inchiesta Consip della procura di Roma che oggi ha portato in carcere per corruzione l'imprenditore napoletano Alfredo Romeo e nella quale sono indagati per rivelazione di segreto d'ufficio il ministro dello sport Luca Lotti e i generali dei carabinieri Tullio Del Sette ed Emanuele Saltalamacchia e per traffico di influenze illecite Tiziano Renzi, padre dell'ex premier Matteo, l'imprenditore di Scandicci e amico di famiglia dei Renzi Carlo Russo e l'ex parlamentare di An Italo Bocchino, consulente di Romeo. L'inchiesta ruota intorno a un appalto da 2 miliardi e 700 milioni di euro bandito in più tranche dal Consip, la centrale di spesa della pubblica amministrazione.

L'interrogazione di Donzelli riguarda in particolare "una fattura da 70-80mila euro" che, stando alle intercettazioni registrate durante l'inchiesta, Carlo Russo chiese a Romeo di saldare all'epoca delle elezioni regionali in Toscana del 2015.

"Alcuni personaggi dello stretto giro renziano, i loro amici e faccendieri sono coinvolti in un intreccio poco trasparente che ruota intorno ad un appalto da quasi tre miliardi di euro e ai metodi utilizzati per accaparrarselo - scrive Giovanni Donzelli in una nota -  Al di là dell'indagine della Procura di Roma, nella quale abbiamo piena fiducia, il Partito democratico faccia chiarezza sugli eventuali finanziamenti che sono arrivati da personaggi che in queste ore vengono passati al setaccio dalla magistratura: fra questi vogliamo sapere dove sono finiti i '70-80mila euro' destinati una ditta di catering fiorentina che l'amico di Tiziano Renzi Carlo Russo avrebbe chiesto all'imprenditore Alfredo Romeo di saldare per le elezioni regionali". 

"Alfredo Romeo, arrestato oggi a Napoli, ha finanziato attraverso l'azienda Isvafim la fondazione Open che organizza la kermesse della Leopolda - scrive ancora Donzelli - secondo l'inchiesta operava di concerto con Carlo Russo, amico di Tiziano Renzi. I personaggi coinvolti nell'inchiesta Consip, dal padre dell'ex premier passando per il ministro dello Sport Luca Lotti fino all'amministratore delegato Luigi Marroni, ex direttore della Asl di Firenze prima e assessore regionale alla sanità poi, impongono al Pd e a Matteo Renzi di fare la più totale chiarezza".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it