Indietro

Caccia a Michelangelo, indizi sotto alla Pietà

Sotto alla Pietà di Marcialla, opera ricondotta al Buonarroti, grazie agli studi con gli infrarossi è stato trovato un disegno preparatorio

BARBERINO VAL D'ELSA — Sono molte le incisioni  trovate sotto alla "Pietà di Marcialla", che si trova nella campagna di Firenze, e opera che la tradizione riconduce a Michelangelo Buonarroti e su cui il comune di Barberino Val d'Elsa ha deciso di fare chiarezza attraverso studi. Le incisioni che si vedono con gli infrarossi sotto la pittura sono i riporti dal cartone preparatorio dell'opera.

Tra le altre cose, sono stati trovati alcuni pentimenti dell'artista come spostamenti del dipinto verso il basso, come nella figura del Cristo, dove una gamba e un braccio sono stati ridipinti più in basso rispetto alla prima intenzione. Infine, l'opera non è tutta realizzata come affresco, ci sono parti dipinte a secco. 

Le immagini acquisite stamani dovranno essere analizzate e poi passerà un mese dalla stesura della relazione

Oggi da un esame attento dell'affresco è anche emerso il particolare di una città cinta di mura con torri, al lato della Madonna, forse una specie di ''firma''. 

Secondo un'ipotesi formulata da alcuni esperti che sull'opera possano aver lavorato più artisti in fasi successive. Indizio in questo senso sarebbe la maniera di dipingere le aureole dei personaggi: l'esame ha svelato che sarebbero state realizzate in un modo tipico degli artisti successivi al periodo michelangiolesco.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it