Indietro

Adf non si presenta in consiglio regionale

L'audizione era stata convocata in vista dell'approvazione della variante per l'aeroporto di Firenze. Carrai: ''Non possiamo dare notizie riservate''

FIRENZE — Le commissioni mobilità e ambiente del consiglio regionale si erano riunite in seduta congiunta per ascoltare dal presidente di Adf Marco Carrai i dettagli del masterplan 2014-2029 della società aeroportuale e i progetti di potenziamento del Vespucci.

Ma Carrai, in una lettera indirizzata al presidente della commissione mobilità Fabrizio Mattei, ha spiegato che la società ha ritenuto ''inopportuno'' partecopare all'audizione. ''Essendo Adf una società quotata in borsa - ha scritto Carrai - siamo tenuti a fornire informazioni al pubblico nei casi e con le modalità previste dalla normativa di settore''.

Immediata la reazione delle due commissioni: i presidenti Mattei e Venturi hanno scritto una lettera al governatore Enrico Rossi e al presidente del consiglio Alberto Monaci manifestando ''un forte disagio istituzionale''.

''E' una scelta inaspettata e incomprensibile - ha commentato Mattei - ed è un'occasione persa anche per Adf. Alle commissioni adesso mancano una serie di speigazioni. Sembra una scelta fatta apposta per rallentare l'iter di approvazione della variante invece di favorirlo''.

Guarda qui sotto la dichiarazione in video rilasciata a Toscanamedia da Marco Carrai il 22 luglio 2013: ''Mi aspetto celerità dal consiglio regionale''

''Un atto molto grave ma anche la dimostrazione che il pubblico se non ha un peso oggettivo non conta di fronte al privato e oggi l’atteggiamento tenuto da AdF ne è la dimostrazione lampante - ha dichiarato la capogruppo della Federazione della sinistra-Verdi Monica Sgherri -  Chi, sulla vicenda aeroporti toscani, ha spinto per privatizzare dovrebbe avere un moto di riflessione in più''.

''Le giustificazioni per non presentarsi, contenute nella missiva, ci appiaono davvero tirate per i capelli - hanno sottolineato il consigliere regionale del gruppo misto Mauro Romanelli e il capogruppo in consiglio comunale di 'Firenze riparte a sinistra' Tommaso Grassi - In ogni caso Adf avrebbe potuto presentarsi e valutare a quali domande rispondere e a quali no. Non venire, ci appare una gaffe istituzionale, uno sgarbo al Consiglio, su un tema particolarmente delicato, che rischia di rafforzare la già serpeggiante sensazione dei consiglieri  di essere stati d ormai espropriati di ogni decisione, e di essere chiamati a ratificare una scelta che poi potrà venir cambiata in altre sedi''.

Videogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. TOSCANA MEDIA NEWS quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5865 del 8.03.2012. Direttore responsabile Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 0620787048
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it